MORFOLOGIA GENERALE DI UN PESCE

ATONOMIA GENERALE DI UN PESCE

SCHELETRO DI UN PESCE

(((VARIE SPECIE DI PESCI PIU' CONOSCIUTI)))

TROTA FARIO O TROTA DI TORRENTE (SALMONIDE)

La trota fario,o piu' comunemente chiamata trota di torrente vive nei fiumi o torrenti dalle acque sorgive,limpide e naturalmente non inquinate.

Nel periodo della  riproduzione che avviene nel tardo autunno-inizio inverno(novembre-gennaio) essa tende a risalire il corso d'acqua in cui vive,spostandosi nel tratto di fiume piu' basso.

il suo alimento principale e' costituito da:invertebrati, larve, piccoli insetti e anche qualche piccolo pesciolino.

le tecniche di pesca per la sua cattura sono le seguenti:recupero con esche artificiali,recupero con esche naturali,pesca a fondo con il piombo e pesca con il galleggiante.

 

TROTA IRIDEA O TROTA DI LAGO (SALMONIDE)

La trota iridea e' originaria del nord america ed e' stata importata al solo scopo di allevamento e per la pesca sportiva a causa della sua rapida crescita.Paragonata alla trota di torrente essa ha la testa piu' piccola , il corpo piu' affusolato ed i colori piu' tenui.

il suo habitat e' simile alla fario,ma preferisce la acque piu' calme.

vive molto bene anche nei lachetti artificiali dove viene immessa per la pesca sportiva.

La riproduzione, i suoi alimenti e la pesca e' uguale alla trota fario.

SALMERINO ALPINO (SALMONIDE)

Questo spettacolare pesce originario dell'america settentrionale e stato introdotto in europa nei primi anni del 900.

Esso nuota ormai da tanti anni nelle acque cristalline dei laghi e torrenti di montagna.

Il salmerino si nutre  principalmente di insetti che trova in superficie, ma non rimane indifferente neanche a qualche piccolo pesciolino.

La riproduzione avviene da novembre a febbraio assecondo della temperatura dell'acqua in cui vive.

la pesca utilizzata per catturare queso pesce e' uguale a quella della trota.

TEMOLO (SALMONIDE)

Il temolo e' originario delle regioni artiche,infatti vive nelle acque molto fredde con molta corrente e limpidissime.

In italia lo possiamo trovare solo nelle regioni del nord dove vive in torrenti e  fiumi alpini.

Esso si nutre prevalentemente di invertebrati acquatici,molluschi e vermi.

Si rproduce tra la fine inverno e inizio primavera.

La tecnica per pescare questo colorato pesce e' la tecnica a mosca, sia sommersa che secca.

LUCCIO (ESOCIDI)

Il luccio e' il predatore acquatico per eccellenza,quando ha superato il periodo giovanile esso teme soltanto l'uomo.

Esso si nutre di piccoli pesci,rane,topi,insetti e anche di piccoli uccelli acquatici.

Il periodo della sua riproduzione e' tra febbraio-aprile, cosicche' i suoi piccoli a primavera sono pronti a nutrirsi di altri piccoli pesci piu' sfortunati.

Questo possente predatore si puo' trovare in laghi,stagni e fiumi di tutta italia.

Il luccio viene pescato con la tecnica a recupero , usando come esca pesciolini artificiali o vari tipi di cucchiaini metallici ( un ottima esca sono gli ondulanti di buona taglia).

Si puo' pescare anche usando esche vive : pesciolino,rana,libellula,etc....

IL PERSICO REALE (PERCIDI)

Il persico reale e' uno dei piu' bei pesci d'acqua dolce, essi vivono in acque incontaminate e cristalline.

Questi splendidi pesci sono molto ambiti dai pescatori per la loro carne molto pregiata.

Di solito i persici si muovono in branco e se trovano l'ambiente idoneo diventano una spece infestante.

Loro si nutrono di qualsiasi cosa in movimento:piccoli pesci, insetti girini,larve etc.......

Esso si riproduce all'inizio della primavera (marzo-aprile),viene pescato con la tecnica a galleggiante usando come esca dei bachini o qualche ombrico; gli esemplari di taglia maggiore sono moltro attratti anche da esche metalliche come ad esempio piccoli rotanti.

 

IL LUCIO PERCA (PERCIDI)

Ili lucioperca o piu' comunemente chiamato come "sandra" e' molto simile al persico reale, ha caratteristiche di vita simili, pero', riguardo alla sua crescita c'e' da dire che esso divernta in eta' adulta molto piu' grande,infatti,puo' raggiungere anche gli 80-90 cm contro i 35-40 del suo cugino "reale.

La sua riproduzione avviene a meta' primavera (aprile-maggio)

La tecnica di pesca piu' usata per la cattura di questi pesci e' la pesca a recupero con artificiali:piccoli rotanti,piccoli ondulanti o vari pesciolini finti.

PERSICO TROTA (CENTRARCHIDI)

Il persico trota o piu' comunemente chiamato boccalone e' un pesce molto ambito e apprezzato dai pescatori perche' reagisce prontamente alle esche artificiali con cui viene insediato.

Questo predatore  vive nei corsi d'acqua e nei laghi di tutta italia, esso e' piu presene del suo bis cugino persico reale perche' riesce ad abituarsi anche in acque piu' inquinate.

Il boccalone e' strettamente carnivoro e si nutre prevalentemente di altri pesci.

Si insidia con la pesca a recupero con artificiali metallici o siliconici.

PERSICO SOLE (CENTRARCHIDI)

Il persico sole e' il piu' piccolo della famiglia dei persici,infatti supera di rado i 15cm.

Essendo un pesce molto resistente e molto colorato non sara' difficile incontrarlo anche in qualche acquario.

Questo piccolo pesce si nutre di larve e di piccoli insetti.

Di solito non viene pescato, ma spesso capita sull'amo di molti pescatori che tentano qualche alto peche.( comunque se volete pescarlo basta una canna  a galleggiante con una manciata di larve di mosca carnaria "bachini"). 

TINCA (CIPRINIDE)

La tinca e' un pesce molto simpatico e molto ambito dai pescatori.

Essa vive sia nei corsi d'acqua lenti che nei laghi o stagni.

A volte viene immessa nei bacini artificiali (carpodromi) dove viene pescata con la sua cugina carpa.

Essa si ciba di tutto cio' che trova sul fondale: detriti organici,larve,invertebrati,semi,etc.......

Il periodo della riproduzione e' in tarda primavera-inizio estate (giugno-luglio), in questo periodo possiamo vederla tra canneti , ostacoli semi sommersa ed erbai dove essa depone le uova.

La tecnica di pesca usata per catturera questo splendido pesce e' principalmente la pesca a fondo sia con il piombo che con il galleggiante. 

PESCE ROSSO (CIPRINIDE)

Il pesce rosso viene allevato a scopo ornamentale, ma non e' difficile trovarlo nel nostro cammino da pescatori, perche' a volte viene liberato nei fiumi e nei laghi come animale non piu' desiderato.

Il nosro caro amico si adatta molto bene alla vita selvatica e si accompagna molto spesso con il suo cugino carassio.

Il carassio dorato e' praticamente onnivoro e la sua riproduzione avviene in primavera ( maggio-giugno).

CARASSIO (CIPRINIDE)

Il carassio a differenza del suo cugino pesce rosso ha una forma piu' arrotondata"ricorda un po' quella della carpa" pero' con bocca  priva di barbigli.

questo pesce e' resistentissimo vive in qualsiasi condizione : acqua inquinata,ambiente con poco ossigeno e tantissime altre situazioni!!!

Esso e' praticamente onnivoro ma preferisce piccoli invertebrati e detriti vegetali.

Il suo periodo di riproduzione e' la primavera (maggio-giugno).

Il carassio viene pescato con la tecnica a fondo con o senza galleggiante,usando come esca principale il bachino o il chicco di mais. 

CARPA REGINA (CIPRINIDE)

La carpa comune o carpa regina e' originaria dell'asia e dell'europa orientale.

Secondo la storia sarebbero stati i romani tra il 1300-1500 ad importarla dalla cina per uso di allevamento alimentare, ora la possiamo trovare in tutti i corsi d'acqua,laghi,canali e stagni in pianura e in collina, un po' meno in montagna visto che la nostra amica carpa piace il clima mite.

La carpa solitamente preferisce  le acque calde, ma non e' raro trovarla in acque piu' fresce di qualche piccolo corso d'acqua dove vive nelle buche piu' profonde.

Abitualmente vive nelle zone con ricca vegetazione acquatica e fondale fangoso.

Essa e' prevalentemente onnivora,si nutre sul fondo grufolando nel fango aiutandosi con i suoi sensibilissimi barbigli;tale cibo e' costituito da invertebrati,molluschi,vermi e detriti vegetali.Il periodo della sua riproduzione  e' la primavera (maggio-giugno)

La tecnica di pesca usata per la carpa e' la pesca a fondo con o senza galleggiante,usando come esca:bachini,vermi,mais e varie pasture specifiche.

APPUNTO:la carpa puo' vivere tranquillamente in laghetti artificiali e puo' condividere il suo habitat  con il carassio dorato (pesce rosso).

CARPA A SPECCHI (CIPRINIDE)

La carpa a specchio e' il risultato di allevamenti e riproduzione selettive.

Questa variante della carpa comune ha le stesse sue caratteristiche,

si differenzia da essa solo per il suo "vestito", infatti a differenza della precedente non ha il corpo ricoperto totalmene di squame , ma soltanto in determinati punti del corpo e sono molto piu' grosse (da cui prende il suo nome).

l'alimentazione,la riproduzione e la pesca e' uguale alla carpa regina.

CARPA CUOIO (CIPRINIDE)

La carpa cuoio o anche chiamata carpa toro e' una carpa con la pelle quasi nuda di squame che le conferisce un aspetto caratteristico e che contribuisce a creare l'effetto di una corazza di cuoio, da cui prende il nome.

Di solito le poche squame sono presenti sul dorso e vicino le pinne.

A differenza delle sue due cugine (regina e specchio) questo tipo di carpa ha una testa piu' piccola e un corpo piu' rotondeggiante e piu' massiccio.

Questa variante della carpa e' il risultato di vari incroci selettivi fatti in allevamento.

L'alimentazione,la riproduzione e la pesca e' uguale alla carpa regina.

CARPA GIAPPONESE (CIPRINIDE)

In italia siamo abituati a sentire parlare di carpa koi , questa e' una terminologia accettata ma errata,perche' da un punto di vista linguistico e' una ripetizione poiche'koi in giapponese significa carpa; quindi diciamo carpa carpa! allora sarebbe meglio dire: carpa giapponese o koi.

Questo pesce ebbe origini tra il 1500-1600 in giappone dove venne allevata per il semplice scopo ornamentale.

Le koi esistono  sia in versione "regina che specchio", esse si differenziano dalle sue cugine "normali" solo per il colore.

Le koi possono essere di svariati colori: rosse,bianche,gialle e tantissime altre colorazioni.

Naturalmente non e' quasi possibile trovarla in natura , pero' a volte si puo' vedere in qualche lago privato o in qualche fiume dove viene liberata come animale indesiderato.

Per tutto il resto e' uguale alla sua sorella non colorata!

 

SCARDOLA ( CIPRINIDE )

La scardola non e' un pesce molto pregiato, comunque e' ben presente nelle nostre acque,anche se sono un po' inquinate!!

Questa specie se riesce a trovare un ambiente favorevole puo' diventare molto infestanta.

Essa si nutre in superficie dove trova piccoli insetti e piccole larve.

La sua riproduzione avviene in primavera-estate

La tecnica di pesca con cui insidiare questo pesce e' la piu' comune: con galleggiante a mezzacqua e come esca ombrico o bachino.

SAVETTA (CIPRINIDE)

La savetta e' diffusa nell'italia settentrionale e nel bacino del po,dove convive con il barbo.

Si nutre di alghe e di invertebrati che trova sul fondale.

La savetta si sposta sempre in branchi.

Si riproduce in primavera.

Questo tipo di pesce non e' soggetto a pesca,ma non sara' difficile incontrarlo se peschiamo a galleggiante con il bachino.

LASCA (CIPRINIDE)

Questo piccolo pesce si incontra nei fiumi e nei torrenti dell'italia centro-settentrionale, essa vive nei corsi d'acqua con correnti molto veloci e fondali ghiaiosi.

Si nutre di vegetazione e di invertebrati che trova sui fondali.

La riproduzione a luogo a primavera (marzo-maggio)

La lasca non e' soggetta a pesche particolari, ma se vogliamo pescarla valgono le solite regole della pesca alla savetta.

ALBORELLA (CIPRINIDE)

La nostra piccola amica alborella e' uno dei pesciolini piu' piccoli e comuni tra i pescatori.

Essa si alimenta di larve e piccoli insetti che trova in superficie, la sua distribuzione e' praticamente in tutta italia sia in lachi, fiumi e piccoli rigagnoli d'acqua.

Il periodo della sua riproduzione e' tra maggio-giugno.

La tecnica per pescare questo piccolo pesce che non supera i 20cm e' la tecnica a galleggiante a mezzacqua usando come esca bachini o piccoli ombrichi.

BARBO (CIPRINIDE)

Il barbo che prende il nome dai quattro barbigli che possiede,lo possiamo trovare in tutta europa.

Esso vive in acque correnti molto veloci,piuttosto limpide e con fondali ghiaiosi o pietrosi.

Il barbo e' davvero un potente nuotatore infatti e' molto ambito dai pescatori per la sua fama di lottatore instancabile.

Si nutre sul fondo di larve, crostacei, detriti vegetali, vermi e a volte anche di avannotti.

Si riproduce a primavera (maggio-giugno)

La tecnica con cui viene pescato e' a fondo con o senza galleggiante , usando come asca:lombrico o bachino.

CAVEDANO (CIPRINIDE)

Il cavedano e' un ciprinide dal corpo molto massiccio,ma allo stesso tempo molto allungato.

Esso si trova praticamente in tutta italia sia nei laghi che nei fiumi; a volte arriva anche nei torrenti e convive con le trote.

Il cavedano e' onnivoro infatti mangia qualsiasi cosa, dalle piccole larve a piccoli pesciolini,fino a mangiare anche la frutta selvatica che cade in acqua.

Esso di solito si sposta e vive  in branchi.

Il periodo della riproduzione e' maggio-giugno.

La principale tecnica di pesca per il cavedano e' la pesca con il galleggiante, ma viene anche pescato con piccoli artificiali e con la tecnica a mosca.

CARPA ARGENTATA (CIPRINIDE)

Questo stanissimo pesce originario dell'asia di recente e' stato introdotto anche in europa  in europa.

Queso bestione che raggiunge anche i 40kg lo possiamo trovare in qualche laghetto privato dove si pratica la pesca sportiva.

E' molto difficile pescarlo,perche' e' totalmente erbivoro e si nutre di alghe planctoniche infatti a volte viene introdotto in laghi o stagni privati proprio per liberarli da alghe in sospensione.

La riproduzione e il suo comportamento riproduttivo non sono state osservate in europa.

Non esiste una pesca specifica per questa specie di pesce.

IO!! AGGIUNGO!! questo pesce e' davvero misterioso!

CARPA CINESE (CIPRINIDE)

Questo pesce viene chiamato in quattro modi: cavedano ungherese,carpa erbivora,carpa cinese e amur.

Sicuramente il suo nome piu' appropiato e' l'amur, perche' e' il nome del fiume cinese dove lui vive e dove fu prelevato, per poi introdurlo in altri bacini.

l'amur fu introdotto in italia nel 1975 circa per bonificare da alghe infestanti i canali e bacini nel ferrarese e nel bolognese, data la sua fama di grandissimo divoratore di alghe ed erbe acquatiche.

Il nostro amico,non dovrebbe riprodursi nelle nostre acque,ma  in alcune acque sono stati pescati esemplari molto piccoli,facendo dunque pensare il contrario.

L'amur si adatta molto bene nei nostri fiumi, a volte viene scambiato per un cavedano ma a differenza dei cavedani lui diventa di mole molto maggire, infatti puo' raggiungere anche i 30kg e oltre 1m di lunghezza.

Esso preferisce molto le acque calme e possiamo pescarlo con la tecnica a fondo con o senza galleggiante usando come esca dei chicchi di mais.

 

ABRAMIDE (CIPRINIDE)

L'abramide o piu' comunemente chiamata "brema" si trova in quasi tutta europa,in italia e' molto  piu' presente al nord.

Essa preferisce i fiumi e i canali a corso molto lento,possiamo trovarla anche in laghi e stagni dove il fondale e' molto fangoso.

La brema e' onnivora e si nutre di tutto quello che trova sul fondale:larve,vermetti,insetti...etc.

La riproduzione avviene in primavera.

Di solito la pesca usata per catturarla e' la pesca con galleggiante usando come esca : vermi , bachini o mais.

ASPIO (CIPRINIDE)

Questo pesce dall'aria tenebrosa vive nel tratto di fiume inferiore del barbo, cioe' nel tratto piu' a valle.

L'aspio e' originario dell'europa cantrale, ma da qualche anno si trova anche in italia e piu' precisamente nel fiume po dove sono stati catturati esemplari davvero di taglia.

A differenza degli altri ciprinidi l'aspio e' davvero un predatore molto vorace,infatti si nutre di qualsiasi tipo di pesci.

La riproduzione avviene a meta' primavera (maggio).

La pesca e' praticamente uguale a quella del luccio.

STORIONE COMUNE (ACIPENSERIDI)

Lo storione al contrario di quello che si possa credere e' un pesce di mare, si vive in acqua salara e risale i fiumi solo per riprodursi.

Esso e' totalmente privo di scuame, infatti il suo corpo  allungato e' molto simile a quello dello squalo , soltanto e'  ricoperto da scudi ossei.

Questo splendido pesce una volta si poteva trovare su tutte le coste d'europa sia mediterranee che atlantiche, ora invece e' diventato davvero raro; e ci dobbiamo accontentare di vederlo solo in qualche lago privato dove si pratica la pesca sportiva.

la sua carne e' molto pregiata,ma ancora piu' pregiate sono le sue uova(le famose uova di caviale).

Il suo alimento preferito sono:piccoli invertebrati e piccoli pesci.

Il periodo della riproduzione e' tra maggio-luglio.

La tecnica di pesca e' a fondo con o senza galleggiante, usando come esca un pezzo di sarda o un pezzo di formaggio (tipo scamorza).

GAMBUSIA (PECILIDI)

Questo piccolo pesce e' originario dell'america, fu introdotto in europa nei primi anni del 1920 con lo  scopo di limitare l'espanzione della zanzara e quindi combattere,il problema "malaria".

La gambusia infatti e' ghiottissima di larve di zanzara.

Essa popola in italia tutti i corsi d'acqua di pianura , laghi e stagni.

La femmina di questa specie e' molto piu' grossa dei maschi, circa i doppio.

La gambusia e' un pesce ovoviviparo,infatti la femmina libera gli avvannotti gia' completamenta formati.

Nom si pesca!! troppo piccola max 8cm.

 

COBITE COMUNE (COBITIDI)

Questo pesciolino molto strano che pochissime persone avranno mai visto si trova in tutta europa, quindi in tutta italia, da nord a sud.

Vive nel corso inferiore dei fiumi e dei torrenti, si nutre sul fondo di : invertebrati,piccoli vermi  e piccoli crostacei.

Non e' soggetto a nessun tipo di pesca.

ANGUILLA (ANGUILLIDI)

Questo pesce davvero simile ad un serpente e' diffuso in tutta l'europa.

In italia la possiamo trovare da nord a sud in qualsiasi tipologia di acqua: fiumi, laghi, stagni,torrenti....etc.

Languilla vive per la maggior parte della sua vita in acqua dolce, si dirige verso il mare soltanto al momento della riproduzione che avviene in primavera.

Essa si nutre principalmente di vermi, invertebrati e altre formre di vita che trova sui fondali.

La pesca usata per catturare questo pesce e' la classica pesca a fondo con il piombo, usando come escha: bachini,ombrichi,pezzo di sarda o pezzo di fegato.

PESCE GATTO ( ICTALURIDE )

Il pesce gatto originario del nord america e' ormai presente in tutta italia,questo pesce pur avendo una carne prelibata non e' molto ambito da noi pescatori, perche' a volte e' davvero fastidioso e infestante.

Questo barbuto amico si adatta a qualsiasi sutuazione e riesce a sopravvivere in acque davvero inquinate.

La sue riproduzione avviene in primavera maggio-giugno, e si nutre prevalentemente di: larve,insetti,etc....

La sua pesca si effettua  sul fondo con o senza galleggiante.

L'esca migliore per insidiara il pesce gatto e' il bachino.

SILURO (SILURIDI)

Il siluro che noi conosciamo e' il siluro europeo, la prima apparizione di questa specie avvenne circa 50 anni fa,piu' precisamentae nel 1957 dove venne pescato un esemplare di 9 kg nel fiume Adda;

(esso e' ancora visibile nel museo di scienze naturali a milano).

Come  possa essere arrivato nelle acque italiane non e' ben chiaro,infatti ci sono parecchie ipotesi, ma la realta' , e' che il siluro ormai fa parte del nostro equilibrio,e come tutti i pesci alloctoni,rimarra' sempre in esso.

Gli esemplari piu' grossi di questo pesce sono stati registrati nel fiume Po,ma lo possiamo tovare in molti altri fiumi , lachi ,canali, e stagni italiani.

Il siluro vive nella parte bassa dei fiumi e preferisce i fondali fangosi e melmosi.

Il siluro nella fase immatura e' onnivoro, ma in fase adulta diventa totalmente carnivoro infatti si nutre di: rane, topi, altri pesci..etc.

La tecnica con cui viene pescato e' la tecnica a fondo con o senza galleggiante, usando come esca : pesce vivo o morto, mazzo di ombrichi,fegato,calamaro..etc..

Viene pescato anche con la tecnica a recupero usando pesci artificiali ed ondulanti metallici, naturalmente tutto di grossa taglia.